You are viewing boundinitaly

entries friends calendar profile Previous Previous Next Next
boundinitaly - Le posizioni del bondage - 1
boundinitaly
Add to Memories
Share
Le posizioni del bondage - 1
Nota iniziale: quanto descritto sotto e' un gioco da praticarsi tra adulti consenzienti, che hanno concordato limiti e regole, senza costrizione, da svolgere con particolare attenzione alla sicurezza con gioia e divertimento.

Parliamo un po' delle posizioni che si puo' far assumere a una persona legata.La mia preferita e'lo hogtie: si legano i polsi dietro la schiena paralleli,i gomiti ravvicinati (non troppo, non tutte le vittime possono sopportare questo legame, si puo' anche evitare); poi si fanno diversi giri di corda attorno al busto (se la vittima e' una donna passare la corda al di sopra e al di sotto dei seni) bloccando bene le braccia. A questo punto si puo' aggiungere eventualmente quello che io chiamo uno "slip di corda" ovvero girare una corda doppia in vita, facendo passare i due capi nell'occhiello, davanti sull'addome, quindi tirare i due capi in basso, facendoli passare sotto il "cavallo" e risalire lungo il solco anale, passando sotto la corda tesa orizzontale sulle reni, e tirando di nuovo verso il basso si ritorna a passare sotto il cavallo; a questo punto si puo' decidere di tornare verso l'alto e legare i due capi alla corda tesa orizzontale sull'addome, oppure s la corda e' abbastanza lunga, divaricare i due capi intersecandoli dietro la schiena e poi sul ventre, con piu' giri e infine annodandoli. Se la vittima e' un uomo potrebbere avere l'effetto di imprigionare il pene,sicuramente gia' in erezione. In ogni caso lo sfregamento della corda sulle parti intime potra' generare una sensazione dolorosa che andra' concordata. Si passa quindi alla legatura delle caviglie, ginocchia (al di sopra e al
di sotto) senza pero' stringere troppo, visto che dovranno essere ripiegate, eventualmente una legatura a mezza coscia; poi la vittima viene distesa a terra (o sul letto o su un divano), a pancia sotto, un capo di una corda viene legato alle caviglie, le gambe sono ripiegate all'indietro fino alla sopportazione della vittima (attenzione agli indurimenti muscolari che possono generare stiramenti) e l'altro capo puo' essere legato ai polsi o alle corde che imprigionano il busto. Se abbiamo imbavagliato la vittima con una gag-ball provvista dei cinturini che avvolgono il cranio, sulla sommita' del capo potrebbe esserci un anellino a cui agganciare la corda, costringendo il capo in una posizione dolorosa da valutare. In ogni caso, mai passare la corda attorno al collo, neppure per scherzo. La posizione impedisce alla vittima qualsiasi movimento, non potra' rotolarsi alla ricerca di qualche strumento di liberazione ne' girare lo sguardo in giro. Una benda sugli occhi e tappi nelle orecchie aumenteranno la sensazione di isolamento dal resto del mondo.
Una variante dolorosa (letta in un romanzo del personaggio Modesty Blaise) e' collegare la corda che fa tensione tra pollici e alluci oppure agganciarsi alla coda dei capelli se la vittima li porta lunghi. Quando parlo di situazioni dolorose, ricordo sempre che devono essere concordate e interrotte se la vittima da' il segnale di insofferenza. La posizione hogtie puo' essere raggiunta anche con il self-bondage, rinunciando alla legatura delle braccia al busto e cominciando dalle gambe, imprigionando infine i polsi in un cappio, che si avra' avuto cura di rendere scorrevole con un po' di grasso. Sconsiglio sempre di usare manette dietro la schiena quando si e' da soli. Un'altra variante dolorosa nella legatura di un maschio e'attaccare un capo ai testicoli, tirare la corda verso le caviglie, gia' legate in parallelo, passare a cavallo della legatura e risalire all'insu' verso i polsi da imprigionare nel cappio: la tensione delle gambe verso la corda fara' sentire il suo effetto! Ciao, spero di sentire la vs. opinione.
profile
Name: boundinitaly
calendar
Back November 2006
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
page summary
tags